L'articolo 26 del Decreto Rilancio (D.l. n. 34/2020) prevede specifiche agevolazioni dirette ad incentivare le PMI che procedono con operazioni di aumento di capitale per rafforzare la propria struttura patrimoniale. Come funzionano questi incentivi?

Il Decreto legge n. 34/2020 (cd. Decreto Rilancio) contiene un pacchetto di misure destinato a supportare e rafforzare le imprese innovative. Il legislatore si propone così di incentivare la raccolta di capitale per startup e PMI innovative potenziandone la capitalizzazione e favorendone la crescita, intendendo ridurre il divario esistente tra l'Italia e altri paesi UE nel venture capital rivolto a queste imprese.

Pubblicato in SOCIETÀ INNOVATIVE

Tutte le società hanno uno statuto in cui sono contenute le regole inerenti la loro organizzazione ed il loro funzionamento. Lo statuto è un documento pubblico, vincolante per tutti i soci e sufficiente per delineare i diritti e gli obblighi dei membri della società. Quali sono dunque le ragioni che renderebbero necessari i patti parasociali?  

Pubblicato in SOCIETÀ INNOVATIVE

Le persone fisiche e le persone giuridiche, che conferiscono capitali nelle imprese innovative (startup e PMI), hanno diritto all'agevolazione fiscale (IRPEF o IRES) sull'investimento (art. 29, D.l. n. 179/2012). Sulla nozione di investimento agevolabile è intervenuto il decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 7 maggio 2019, operativo dal mese di luglio. Cosa prevede?

Pubblicato in SOCIETÀ INNOVATIVE

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (5 luglio 2019) del Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze sono operative, come già avviene per le startup, le agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle PMI innovative. Di quali misure si tratta?

Pubblicato in SOCIETÀ INNOVATIVE

Nel contesto imprenditoriale italiano, in cui hanno un'incidenza rilevante le imprese familiari, il passaggio generazionale deve essere organizzato in modo corretto ed efficace per garantire la protezione e la valorizzazione del patrimonio aziendale e della famiglia. Allo stesso modo, attrarre capitali richiede un assetto proprietario e di governance che consenta di gestire adeguatamente i rapporti tra soci fondatori ed investitori. Il maggior numero di imprese, che si trovano ad affrontare un passaggio generazionale o a confrontarsi con investitori a supporto di processi di sviluppo, sono PMI. Il D.l. n. 50/2017 ed il D.lgs. n. 129/2017 intervengono con strumenti specifici per le PMI al fine di agevolare l'organizzazione e la gestione dei predetti scenari. Quali sono?

Pubblicato in FAMILY BUSINESS

La Legge di Bilancio 2019 (Legge n. 145/2019) è intervenuta sugli incentivi alle imprese e sulle regole per il venture capital allo scopo di favorire l’afflusso di capitale di rischio verso le imprese innovative. Quali sono le novità?

Pubblicato in SOCIETÀ INNOVATIVE

La normativa in materia di startup e PMI innovative, come noto, prevede che costituisce requisito, ai fini dell'identificazione del contenuto innovativo della società, non solo il possesso di un brevetto per invenzione industriale, ma anche la titolarità di diritti relativi ad un software. Che interpretazione ha inteso dare il legislatore al termine "titolarità"?

Pubblicato in SOCIETÀ INNOVATIVE

Tutte le PMI, in forma di società a responsabilità limitata, l'accesso all'equity crowdfunding come strumento di finanziamento. Prima di presentare una raccolta di capitali su uno dei portali autorizzati è necessario tuttavia provvedere ad adeguare lo statuto della società. Quali sono le modifiche necessarie?

Il Decreto direttoriale del Ministero dello Sviluppo Economico del 4 maggio 2017 ha reso operative le modifiche on line agli statuti delle startup innovative costituite in forma di società a responsabilità limitata. Come funziona questo procedimento, introdotto dall’articolo 4, comma 10 bis, D.l. n. 3/2015 e dal Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 28 ottobre 2016?

Pubblicato in SOCIETÀ INNOVATIVE
Back to Top