È nullo il marchio comunitario registrato in mala fede al solo fine di ostacolare chi lo abbia utilizzato e diffuso per primo. Così si legge nella sentenza n. 20715/2017 della Corte di Cassazione, che garantisce i titolari di marchi contro prassi ostruzionistiche sempre più frequenti. Questi i dettagli della decisione.

Back to Top