SOCIETARIO

SOCIETARIO (47)

Il conferimento di criptovalute nelle operazioni societarie è un argomento particolarmente controverso come confermano alcune sentenze, che lo hanno vietato. In attesa che siano adottate specifiche disposizioni di legge idonee a risolvere ogni dubbio, quali sono gli argomenti utilizzati dai giudici a supporto delle loro decisioni contrarie?

Nel contesto imprenditoriale italiano, in cui hanno un'incidenza rilevante le imprese familiari, il passaggio generazionale deve essere organizzato in modo corretto ed efficace per garantire la protezione e la valorizzazione del patrimonio aziendale e della famiglia. Allo stesso modo, attrarre capitali richiede un assetto proprietario e di governance che consenta di gestire adeguatamente i rapporti tra soci fondatori ed investitori. Il maggior numero di imprese, che si trovano ad affrontare un passaggio generazionale o a confrontarsi con investitori a supporto di processi di sviluppo, sono PMI. Il D.l. n. 50/2017 ed il D.lgs. n. 129/2017 intervengono con strumenti specifici per le PMI al fine di agevolare l'organizzazione e la gestione dei predetti scenari. Quali sono?

Il disegno di legge n. 726/2018 introduce alcune significative novità nel D.lgs. n. 231/2001 in materia di responsabilità da reato degli enti, che determineranno un impatto rilevante nei sistemi di governance e di controllo delle società di capitali. Di quali variazioni si tratta?

Dopo l'entrata in vigore del Regolamento UE sulla protezione dei dati personali n. 2016/679 (GDPR) il 25 maggio scorso, la normativa nazionale in materia di protezione dei dati personali è stata ulteriormente aggiornata dal D.lgs. n. 101/2018, che sarà efficace dal 19 settembre 2018. Quali sono gli effetti di questo decreto?

È entrato in vigore il 24 giugno il D.lgs. n. 65/2018 in attuazione della Direttiva UE n. 2016/1148 (cd. Direttiva NIS), adottata il 6 luglio 2016, che prevede norme specifiche in materia di cybersecurity (sicurezza delle reti e dei sistemi informativi). I fornitori di servizi digitali (motori di ricerca, servizi cloud, piattaforme ecommerce) dovranno quindi provvedere all’adozione di misure tecniche e

La recente entrata in vigore del Regolamento UE n. 2016/679 sulla privacy (GDPR) ha posto a carico delle imprese un onere di responsabilizzazione circa il trattamento dei dati rendendo opportuna l'adozione di un modello organizzativo, che consenta di mappare i rischi e, conseguentemente, di individuare misure di sicurezza e codici di condotta per affrontare i casi di violazione dei dati personali (cd. data breach). L'articolo 4 GDPR definisce violazione dei dati personali "la violazione di sicurezza

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17278 del 2 luglio 2018, ha accolto il ricorso del Garante della privacy, sanzionando la pratica dei siti web che condizionano l'invio di notizie, di solito gratuite, alla prestazione di un generico consenso a ricevere “informazioni promozionali”.

Tale condotta viola la privacy del consumatore essendogli impedito di sapere con chiarezza ed in anticipo a cosa sta acconsentendo.

Avv. Marco De Paolis

STUDIO LEGALE DE PAOLIS
Piazzetta Monsignor Almici, 13
25124 Brescia
T. +39 030 2421245
F. +39 030 2449678
E. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Mercoledì, 09 Maggio 2018 08:01

REGOLAMENTO UE PRIVACY- intervista

Written by

Sull’edizione odierna di BresciaOggi mia intervista sul #GDPR. È ormai vicino il 25 maggio, giorno in cui entrerà in vigore il Regolamento UE 2016/679, che introduce, uniformandole per tutti gli Stati membri dell’Unione Europea, nuove norme sulla protezione dei dati (cd. privacy).

Per svolgere l'assemblea con i partecipanti collegati in audio-conferenza o video-conferenza non è necessaria una specifica previsione dello statuto. Lo sostiene la massima n. H.B.29 del Consiglio del Notariato del Triveneto che di fatto è funzionale a favorire la diretta partecipazione ai lavori assembleari.

In materia di clausole di co-vendita si è espresso il Consiglio del Notariato del Triveneto (massima n. H.1.19) allineandosi ad una decisione del Tribunale di Milano (decreto 22 dicembre 2014). Secondo la massima citata è possibile introdurre a maggioranza nello statuto sociale la clausola cd. drag-along a determinate condizioni.

Back to Top